GENERALE SUICIDA, IL GIALLO DELLA TELEFONATA ANONIMA: “SI È DIMESSO”

Una telefonata anonima ricevuta da un quotidiano locale online abruzzese, Primadanoi, in cui una voce probabilmente artefatta segnalava le dimissioni del generale dei carabinieri Guido Conti dalla Total, uccisosi venerdì scorso, è stata acquisita dagli inquirenti che indagano sulla sua morte.

La telefonata è arrivata alla segreteria telefonica del giornale poco prima delle 15.00 di venerdì scorso: come spiega Primadanoi con voce «presumibilmente maschile e dall’accento meridionale, forse siciliano». A quell’ora presumibilmente il generale era ancora vivo, visto che una prima ricognizione cadaverica avrebbe individuato l’ora della morte tra le 16 e le 17 di venerdì scorso in una zona impervia ai piedi del Monte Marrone a Pacentro (L’Aquila).

Gli investigatori vogliono fare ulteriore chiarezza su questo particolare da inserire nel fascicolo aperto da parte della Procura di Sulmona per istigazione al suicidio per scavare di più anche nel breve periodo in cui Conti è stato al servizio della multinazionale, impegnata nelle estrazioni petrolifere in Basilicata. L’audio della telefonata è stato trasferito per competenza alla Procura di Sulmona (L’Aquila). Le indagini sulla telefonata sono indirizzate a capire da dove e da che numero sia partita la chiamata, e quindi risalire all’autore.