FESI, PROBABILI ERRORI DI CALCOLO: REGOLARIZZAZIONE DI OMESSE O ERRATE SEGNALAZIONI DI GIORNATE UTILI

Lo Stato Maggiore della Difesa ed il Centro Unico Stipendiale Esercito hanno diramato due circolari esplicative che spiegano come sanare eventuali errori che hanno comportato omesse corresponsioni nell’elargizione del FESI.

“Si partecipano le disposizioni applicative che gli Enti/Reparti/Distaccamenti dovranno utilizzare per l’inserimento delle rettifiche da apportare alle giornate utili al FESI dell’anno 2016. Si rappresenta che l’apposita piattaforma informatica sarà resa disponibile sul sistema stipendiale unificato a decorrere dall’8 settembre e fino al 3 ottobre p.v..

All’apertura della pagina “Rettifiche FESI anno 2016” il sistema stipendiale unificato proporrà automaticamente, per ciascun Ente/Reparto/Comando/Distaccamento, i dati consolidati del personale amministrato riferiti alle giornate utili al FESI già inserite in precedenza.

Per poter effettuare una rettifica in ordine ai dati precedentemente inseriti occorrerà, per tutte le fattispecie di correttivi da apportare, procedere ad inserire ex-novo il dato complessivo delle giornate inutili.

Per quanto concerne le omesse o mancate segnalazioni di personale avente titolo al FESI 2016 (zero giornate segnalate) gli operatori dovranno procedere come indicato al precedente punto avendo cura preliminarmente di aggiornare, ove necessario, le informazioni contenute in banca dati afferenti le promozioni, trasferimenti ed ogni altra variabile che potrebbe avere riflessi sul corretto computo delle giornate inutili.

In caso di numero di giornate utili errate, gli operatori dovranno, nel rispetto delle indicazioni della richiamata circolare provvedere ad inserire nuovamente l’intero numero corretto di giornate utili riferito a tutto l’anno 2016 e concludere l’operazione attraverso il tasto “Salva”. Non si dovrà procedere pertanto ad inserire la sola differenza del numero di giornate precedentemente non segnalate o comunicate in più ma sarà necessario operare alla sera alla stessa stregua di una registrazione.”

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!