Expò 2015 solo annunci del governo,idonei 600 agenti ma il Ministero non li assume

(di Davide Agazzi) – Furti, rapine, spaccate sono all’ordine del
giorno. L’allarme per l’emergenza sicurezza è ormai una costante destinata ad
indignare, ma che rischia di fare perdere l’orizzonte della realtà. Perché un
problema si affronta e si devono trovare soluzioni.

Nel 2013 sono andati in
pensione circa 5.000 agenti della Polizia di Stato.
E così il Siap (Sindacato Italiano
Appartenenti Polizia), l’Ugl Polizia di Stato, il Coisp e Silp Cgil,

evidenziano che per far fronte all’emergenza sarebbe necessario avere
personale. Gli agenti da assumere ci sarebbero già: pronti ed idonei. A costo
zero. Nell’ultimo concorso i candidati idonei sono stati infatti 1.600
superando le prove con ottimi risultati. Basti pensare che su 80 domande della
prima prova del concorso, concentrata sulla cultura generale, la media delle
risposte esatte è di 78. Insomma: il peggiore dei candidati ha fatto tre
errori.
Dei 1.600 idonei, di oltre 18.000
ragazzi
concorrenti, che hanno superato tutte le prove (culturali e
psicofisiche), solo 800 sono stati assunti e mandati a frequentare la
scuola di Polizia della durata di un anno. Gli altri 164, sono considerati
facenti parte delle “Seconde Aliquote”: infatti a seguito della Legge
Martino del 23 agosto 2004 una percentuale dei vincitori di concorso delle
carriere iniziali di Polizia prima deve effettuare servizio quattro anni nelle
Forze Armate. Non solo questi ragazzi sono obbligati a prestare servizio in un
Corpo per la quale non hanno concorso, ma, oltre a percepire lo stesso lo
stipendio (cosa che potrebbero far benissimo nella Polizia di Stato),
invecchiano portando quindi ad alzarsi ulteriormente l’età media della Polizia
di Stato. Non sarebbero più utili in strada, a prestare servizio al cittadino,
o nelle Questure? Anziché il progetto “Strade Sicure”, che porta militari a
passeggio per le strade senza poter intervenire in quanto non sono agenti di
Pubblica Sicurezza?
Dopo questo periodo (chiamato VFP4, Volontario
in Ferma Prefissata di 4 anni), questi ragazzi devono rifare nuovamente le
visite di idoneità, alle quali ovviamente possono essere giudicati
negativamente…
Di fronte ai continui allarmi per la sicurezza e
alle ultime dichiarazioni del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano,
che annuncia nuove assunzione di agenti delle Forze dell’Ordine in vista
dell’Expo’ 2015, il segretario della Siap, Tiani, sottolinea che “gli
agenti da assumere per l’inizio dell‘Expo 2015, dovrebbero iniziare il
corso entro aprile 2014”.
Ma tutto ciò è impossibile svolgendo una normale
procedura concorsuale in quanto, anche bandendo un concorso in Primavera, le
selezioni terminerebbero a fine novembre: i vincitori dovrebbero svolgere l’
anno di corso e quindi sarebbero pronti ad entrare in servizio a gennaio 2016.
Con un piccolo problema: l’Expo’ inizia a
maggio 2015
. Per questo motivo il sindacato della polizia propone una
soluzione immediata: assumere i 512 candidati idonei non vincitori affinché si
possano ridurre i costi gravanti sull’amministrazione senza dover bandire un
concorso per cercare persone che ci sono già.
Ricordando per l’ennesima volta che, la
recentissima idoneità conseguita , permetterebbe l’immediata assunzione degli
interessati evitando la necessità di effettuare anche le visite mediche di
controllo per il mantenimento dell’idoneità psico-fisica e pertanto sposando in
pieno quanto previsto dal Principio di economicità ed efficienza dell’azione
amministrativa, sancito anche dalla Costituzione della Repubblica Italiana.
Basterebbe una rettifica di graduatoria o un
decreto. Per rispondere agli allarmi sicurezza e risolvere un problema che ogni
giorno assilla il nostro Paese. (Bergamonews.it)