EX POLIZIOTTO IN SCIOPERO DELLA FAME PROTESTA PER GRAVE ABUSO A “LE IENE”

Lettera
di Gennaro Nablo
Il 10
p.v. ho promosso un presidio di protesta davanti agli Studi Mediaset (di
Cologno Monzese) affinché la Direzione della trasmissione “Le iene”, previo
contraddittorio, mi dia la possibilità di denunciare un grave abuso
incostituzionale. La manifestazione è stata autorizzata dalla Questura di
Milano.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Sono un
pensionato della Polizia di Stato posto in congedo nel 2004 per fisica
inabilita
 (principalmente per una patologia riconosciuta come
dipendente da causa di servizio). Prima di andare in pensione ho rivestito la
carica di Segretario Provinciale di un sindacato di Polizia. Intimamente “ho
sentito” il sindacato, la tutela dei miei colleghi mi era cara, e tuttavia nel
contempo il mio posto era “nella strada”, tra i ragazzi operativi.
Ho
ottenuto un largo consenso in termini di tessere però a qualcuno non è andata
giù
.
Sembra che questo qualcuno, che già nel 1996 e 1997 con procedimenti falsi e
mistificatori aveva cercato di colpirmi, si sia poi ricordato di me.
Nel
2010 con un pretesto mi hanno tolto la pensione. Ho 62 anni e una famiglia da
mantenere. Sono ammalato
 oltre che fisicamente anche
psichicamente. I segni della depressione si sono manifestati già dal 1984 a
seguito di fatti violenti ai quali sono stato esposto. Potete aiutarmi? Potete
farmi da megafono. Potete appoggiare la mia richiesta di “urlare” attraverso un
soggetto mediatico di largo ascolto quali: “Le iene”; “Andrea Pamparana” “Nadia
Toffa” ecc? sono in SCIOPERO DELLA FAME


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L’appuntamento
è alle ore 10,00 davanti ai cancelli degli Studi Mediaset di Cologno Monzese,
Via Europa 44. Un Ministero dell’Interno a guardia della Costituzione e delle
Leggi, è garanzia del Diritto nonché di civiltà per qualsiasi cittadino,
chiediamo che gli incapaci, i supponenti, vengano rimossi e allontanati per il
bene di tutti e… Dell’istituzione stessa. Sub Lege Libertas!
Gennaro
Nablo

Leave a Reply