Avvocato Militare

“Esercito forte se con famiglie unite”: il monito del TAR all’Amministrazione. Annullata decisione dello Stato Maggiore

(di Avv. Umberto Lanzo)- Le dure regole militari si sono ammorbidite di fronte alle esigenze familiari di un Caporal Maggiore dell’Esercito. Il TAR Sicilia, con una sentenza che fa giurisprudenza, ha accolto il ricorso dell’uomo che chiedeva di essere trasferito nella sede di Palermo per ricongiungersi ai due figli avuti da diversi matrimoni. I giudici amministrativi hanno riconosciuto il diritto del militare a conciliare carriera e affetti. Una vittoria per il volto umano dell’Esercito.

I fatti e le richieste del ricorrente

Un Caporal Maggiore dell’Esercito italiano ha esposto al TAR della Regione Sicilia di essere di stanza presso la Sezione Rifornimenti e Mantenimento di Palermo (SERIMAT). L’assegnazione al distaccamento di Palermo è stata disposta dal Comandi dell’Esercito per consentire il ricongiungimento con il proprio nucleo familiare, costituito dalla moglie e dal figlio minorenne.

Tuttavia il rapporto di coniugio tra il ricorrente e la moglie è entrato in crisi, tanto da condurre al divorzio dei coniugi. Nel mentre il Caporal Maggiore ha avviato una relazione con un’altra donna, anch’ella dipendente militare delle FF.AA., con cui si è unito in matrimonio dopo il divorzio dalla prima moglie e dalla quale ha avuto un secondo genito.

Il Caporal Maggiore, avendo la necessità di rimanere presso il distaccamento di Palermo in modo da assolvere ai suoi doveri di padre verso il primo figlio (affidato congiuntamente ad entrambi i genitori dopo lo scioglimento del primo matrimonio) ed essendo al contempo tenuto ad assolvere ai medesimi incombenti nei confronti della seconda moglie e del secondo genito anch’egli minorenne, ha presentato congiuntamente alla seconda moglie, un’ulteriore richiesta di ricongiungimento familiare per ottenere il trasferimento a Palermo anche della seconda moglie, di stanza a Messina.

Le decisioni dell’Amministrazione e i ricorsi del militare

Il Comando Esercito ha, però, proposto però al Caporal Maggiore il suo trasferimento da Palermo a Messina, non potendo accogliere la richiesta di trasferimento della seconda moglie a causa della mancanza di posizioni lavorative corrispondenti alla qualifica della medesima nella pianta organica di Palermo.

Nonostante le ripetute istanze presentate dal Caporal Maggiore per ottenere il ricongiungimento, compresa quella di conferimento direttamente con il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, la rigidità della gerarchia militare ha continuato a negare il legittimo diritto a vivere con la propria famiglia.

Nonostante il Caporal Maggiore abbia ripetutamente tentato di sensibilizzare i vertici militari sulla propria necessità di ricongiungersi con la famiglia a Palermo, presentando reiterate e dettagliate istanze fino al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, le sue legittime richieste sono state rigettate con provvedimenti negativi che non hanno tenuto nella dovuta considerazione il suo diritto a salvaguardare l’unità familiare, poi finalmente riconosciuto dal TAR Sicilia con questa importante sentenza.

La decisione del TAR Sicilia

Accogliendo le legittime ragioni del Caporal Maggiore e della moglie, il TAR Sicilia ha annullato la decisione dell’Esercito che negava il trasferimento della donna a Palermo per ricongiungersi al marito e al figlio minorenne, condannando l’Amministrazione Militare al pagamento delle spese di lite per complessivi 3.000 euro oltre accessori, come monito affinché in futuro sappia coniugare con maggiore sensibilità ed equilibrio le proprie esigenze organizzative con la tutela dei diritti familiari dei dipendenti.

L’Esercito si rafforza tutelando i legami familiari

Nella sentenza, il TAR richiama una nota del Dipartimento Impiego del Personale dell’Esercito del 2014, in cui si afferma che “Una famiglia forte permetterà di avere un soldato forte e motivato, garantendo di conseguenza un Esercito forte. E’ pertanto interesse primario dell’Istituzione che ogni militare, di qualunque grado o funzione, sia costantemente supportato anche nella sua sfera più intima e personale qual è, in primis, quella familiare. La famiglia, infatti, va intesa quale cardine della stabilità emotiva e morale del militare in un sistema di vita sempre più complesso”. Con queste parole della stessa Amministrazione Militare citate nella sentenza, il TAR Sicilia ha sapientemente ricordato all’Esercito che la tutela della vita familiare dei militari non può essere disgiunta dall’efficienza dell’Istituzione, poiché soldati con serenità affettiva sono anche soldati migliori.

Facendo leva sull'”interesse primario dell’Istituzione” di garantire il supporto alla vita familiare dei militari, il TAR Sicilia ha sgretolato il muro d’indifferenza frapposto dall’Esercito alle reiterate richieste del Caporal Maggiore.

Il TAR ha ritenuto che l’Amministrazione militare abbia l’obbligo, nel decidere su tali richieste, di bilanciare l’interesse organizzativo con l’interesse costituzionalmente garantito alla tutela dell’integrità della famiglia. Pertanto, prima di rigettare l’istanza di trasferimento, avrebbe dovuto verificare la possibilità di impiegare la donna in mansioni equivalenti presso la sede di Palermo, annullando così la decisione impugnata per difetto di adeguata motivazione.

La strada verso un Esercito dal volto umano è ancora in salita

Purtroppo, nonostante gli alti ideali di coesione e solidarietà spesso declamati, all’interno delle Forze Armate le esigenze della famiglia faticano ancora a trovare adeguata tutela, scontrandosi contro logiche burocratiche impermeabili alle fondamentali necessità affettive. Solo grazie all’intervento della magistratura amministrativa, a volte, i diritti dei singoli riescono faticosamente ad affermarsi, come in questo caso, contro le rigide strutture gerarchiche.

Affinché la piena conciliazione tra doveri militari e responsabilità familiari non rimanga solo sulla carta, è auspicabile un profondo cambiamento culturale da parte dell’Istituzione, che sappia coniugare virtuosamente disciplina ed empatia, etica del servizio e sensibilità umana. Perché è nella forza interiore del singolo che risiede la vera forza di un Esercito davvero moderno e motivato.

LEGGI LE SENTENZE DELLA SEZIONE AVVOCATO MILITARE DI INFODIFESA

Infodifesa è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).

Cosa aspetti?

Al costo di meno di un caffè al mese potrai leggere le nostre notizie senza gli spazi pubblicitari ed accedere a contenuti premium riservati agli abbonati – CLICCA QUI PER ABBONARTI