E’ MORTO IL GENERALE COMANDANTE DEI NAS. MINISTRO DELLA SALUTE: “AVEVA LA DIVISA CUCITA SULLA PELLE”

(di Salvatore Veltri) – Al termine di una malattia, è deceduto nella notte il generale divisione dei Carabinieri Cosimo Piccinno, comandante dei
Nas, i nuclei antisofisticazione e sanità. 

Questa la dichiarazione del ministro della Salute,
Beatrice Lorenzin nell’apprendere il triste evento: “La notizia della
morte del generale Cosimo Piccinno è per me motivo di grande dolore. Con
lui scompare una persona che ho imparato presto a conoscere, a stimare
profondamente per la qualità del suo instancabile lavoro al comando del Nas,
per il suo essere sempre disponibile nell’interesse del ministero della Salute
e al fianco dei cittadini. 
Cosimo Piccinno, fuori da ogni retorica, così come
nelle sue azioni e nei suoi comportamenti, con il suo rigore, il suo
attaccamento alle regole e all’onore della divisa dei Carabinieri che, mi
diceva, sentiva di avere cucito sulla pelle, ha rappresentato e rappresenterà
sempre un modello di uomo al servizio degli altri, un vero servitore dello
Stato. E’ mia intenzione dedicare un ricordo indelebile, intitolargli la
sala dell’Auditorium della sede di Ripa, per fare conoscere il suo nome e la
sua attività a tutti coloro che verranno al ministero della Salute negli anni
futuri. A sua moglie e alle sue adorate figlie, giunga il mio abbraccio più
affettuoso”.
Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria
“Mi unisco a nome di Farmindustria e di tutti i colleghi delle imprese
farmaceutiche al cordoglio della famiglia e dell’Arma dei Carabinieri per la
prematura scomparsa del Generale Cosimo Piccinno. In questi anni abbiamo avuto
modo di apprezzare il suo tratto umano, nel contempo rigoroso e
cordiale”. “Il suo impegno intelligente e determinato contro la
contraffazione dei farmaci  ha consentito di ridurre al minimo il fenomeno
in Italia, Paese tra i più efficaci nel contrastarlo nell’Unione
Europea.Battaglia analoga è stata affrontata con energia contro il crescente
numero dei furti di medicinali. E tutto questo al fine di proteggere, con
grande personalità e dedizione, la salute dei cittadini italiani. Esprimo le
mie più sincere condoglianze alla famiglia e alle Istituzioni al cui servizio
questa figura assolutamente indimenticabile si è esemplarmente sempre
posta”.

I funerali si svolgeranno lunedì a Melegnano.