DONNA CARABINIERE INSEGUE SCALZA RAPINATORE: ARRESTATO, PENA SOSPESA

Encomiabile il comportamento di un carabiniere donna in servizio alla stazione di Verona principale che questa notte sentendo un giovane urlare in piazza Pradaval, dopo aver saputo che era stato rapinato, si è messa all’inseguimento di R.M.L.. E’ quanto riporta l’articolo de l’Arena che riportiamo di seguito.

Era fuori servizio, in borghese, e vedendo il ladro correre verso piazza Renato Simoni, si è tolta le ciabatte e ha iniziato a rincorrerlo, insieme al derubato, a piedi scalzi. Con una mano teneva le ciabatte, con l’altra ha avvisato il 112 e chiesto rinforzi. Dopo essersi qualificata e urlato invano al fuggitivo di fermarsi, ha continuato a correre e una volta giunti in piazza Renato Simoni, R., sentendosi braccato, ha lanciato contro gli inseguitori una borsa contenente alcune lattine di birra che ha colpito al collo il ragazzo al quale, poco prima, aveva sottratto il cellulare.

Poi ha continuato a scappare verso circonvallazione Oriani, costantemente tallonato dal carabiniere scalza. Nella fuga si era liberato del telefono (che è stato ritrovato in una delle fioriere dell’Hotel Giberti) e una volta arrivato nei pressi della circonvallazione è stato raggiunto e bloccato. R. ha continuato a spintonare il carabiniere e a divincolarsi per cercare di scappare ma nel frattempo è giunta la pattuglia che lo ha ammanettato e condotto in caserma. Algerino, classe ’92, ha un precedente per ricettazione e per aver violato gli obblighi inerenti al soggiorno in Italia, è stato arrestato con l’accusa di rapina impropria. Stamattina, al termine della convalida, davanti al giudice Sandro Sperandio ha patteggiato un anno e sei mesi (pena sospesa) e 300 euro di multa.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!