DIVISE SPORCHE, ARRESTI ILLEGALI E VIOLENZE: CINQUE CARABINIERI INDAGATI

Spaccio,
violenza privata, calunnia, falso, omissione d’atti d’ufficio, arresto
illegale, violenza privata, favoreggiamento, introduzione abusiva nelle banche
dati interforze, omessa denuncia.

Reati
contestati a vario titolo dalla Procura di Cagliari a nove persone tra cui cinque carabinieri: quattro di stanza
nel tempo alla caserma di Calasetta, uno nel reparto operativo di Carbonia.
Nell’atto
di chiusura delle indagini emergono anche i nomi di un consigliere comunale di
Carbonia, al quale è contestato però un episodio minore, e altri tre giovani.
A fare
pulizia all’interno sono stati gli uomini del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cagliari. In base
alla ricostruzione investigativa, alcuni tra i militari avevano messo droga nell’auto di un presunto spacciatore
per procedere all’arresto
; in un caso, un piccolo trafficante era stato
tenuto per i piedi su una scogliera per fargli rivelare il nascondiglio della
droga.

A un
ragazzo che aveva tentato di ingoiare una bustina, il maresciallo della
stazione aveva stretto la mano intorno al collo per impedirgli di deglutire.

[FONTE]

Leave a Reply