DISTINTIVI VUOTI, UN’ALTRA PRESA IN GIRO!

Tutti voi cari colleghi – si legge in una nota del Sindacato Autonomo di Polizia – sapete bene come è andata la partita dello Sriordino delle carriere. Un provvedimento che sostanzialmente non era deputato a rivedere i percorsi professionali degli operatori, ma semplicemente un’anticipazione di contratto con una riparametrazione. Sapete tutti che per trasformare un coordinatore in sovrintendente, mancavano circa 2 euro, quindi il problema non era il denaro, ma la volontà di non consentire un adeguato percorso professionale, degradando tutti. Abbiamo fatto di tutto per opporci a questo provvedimento che lasciava insoddisfatta l’intera categoria e soprattutto la degradava definitivamente non consentendo a nessuno un’adeguata progressione.

L’Amministrazione ha tentato di coinvolgerci sui nuovi distintivi. E’ stata formata una commissione, si sono svolte numerose riunioni, ma noi alla firma non abbiamo partecipato perché abbiamo sempre sostenuto che questi distintivi, indipendentemente dal fatto che potessero essere belli o brutti, cosa di poca importanza, erano totalmente privi di contenuto. Contenitori vuoti senza alcun significato.

Siamo stati l’unico sindacato che non ha partecipato all’ultima riunione durante la quale veniva firmato il decreto per i nuovi distintivi. Oggi, addirittura, ci chiedono un parere di gradimento, mediante un sondaggio sulla piattaforma “Doppiavela”. Vi invitiamo tutti a non partecipare a questo sondaggio, perché è una sciocchezza. Perché non ci hanno chiesto un parere di gradimento sul riordino delle carriere? Ci vengono a chiedere oggi, la ratifica di un consenso mediante dei simboli privi di contenuto?