CECCHINO CANADESE COLPISCE COMBATTENTE ISIS DA PIÙ DI 3 KM DI DISTANZA

di Stephanie Fillion per la Stampa.it

Il mese scorso, un tiratore scelto canadese ha sparato e ucciso un combattente dell’Isis a una distanza di 3,540 km durante un’azione in Iraq.

Il soldato ha dovuto considerare, oltre alla distanza, il vento, la curvatura della terra e altri fattori. Il proiettile ha raggiunto l’obiettivo in meno di dieci secondi.

Una fonte militare ha detto al giornale canadese Globe and mail che il soldato fa parte della Task Force 2 e ha sparato dal tetto di un edificio.

«Il cecchino è intervenuto per impedire un attacco dell’Isis alle forze irachene – spiega la fonte militare al giornale canadese – . Un intervento alternativo e più preciso all’utilizzo di una bomba che potrebbe causare vittime civili. Data la distanza del cecchino, i combattenti dell’Isis non si sono resi conto di quanto è accaduto». Dal 2016, il governo di Justin Trudeau ha deciso di non utilizzare attacchi aerei, ma di aumentare forze di terra impiegate in battaglia.

Un video indipendente e altri dati confermano la distanza fra il militare e l’obiettivo colpito, la massima mai raggiunta. La precedente era di 2,475 chilometri realizzata da un soldato britannico nel 2009.

Leave a Reply

error: Content is protected !!