CARABINIERE UCCISO DA UN COLPO DI MITRAGLIETTA, ARRESTATO IL COLLEGA PER OMICIDIO VOLONTARIO

Svolta nelle indagini sulla morte del carabiniere Emanuele Lucentini, morto in caserma a  Foligno. Arrestato per omicidio volontario aggravato e su ordine del procuratore di Spoleto Cannevale il collega che era con lui, Emanuele Armeni.
La polizia lo ha prelevato dalla sua abitazione mercoledì 15 luglio, attorno all’ora di pranzo. A dare la notizia l’edizione online de Il Messaggero Umbria.
Emanuele Lucentini, appuntato scelto, 50 anni, la mattina del 16 maggio stava smontando dal turno di notte quando venne raggiunto da un colpo alla testa partito dalla mitraglietta d’ordinanza del collega.