Carabiniere con mezzo etto di cocaina in casa: arrestato dai colleghi

C’è anche un carabiniere della Compagnia di Sacile tra i tre arrestati in flagranza per droga dai carabinieri di Pordenone. Gli altri due arrestati sono la compagna del militare e un terzo uomo, entrambi dominicani. Circa cento i grammi di cocaina sequestrati, pronti per essere smerciati nell’hinterland pordenonese. 

L’indagine,  coordinata dalla Procura della Repubblica guidata da Raffaele Tito e condotta dal nucleo investigativo del comando provinciale dell’Arma, è nata  come costola di una precedente operazione, denominata “Nikol”, condotta dai militari della compagnia di Sacile e volta a disarticolare un sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti tra le province di Pordenone e Venezia. A maggio l’operazione aveva portato a cinque misure cautelari nel Pordenonese.

Dai dati di indagine sono emersi sospetti che hanno condotto gli investigatori a perquisire l’abitazione del collega a Fontanafredda, dove il militare, 44 anni, vive con la compagna di 49. Qui hanno trovato 50 grammi di cocaina e una piccola quantità di marijuana. Gli altri cinquanta grammi di stupefacente sono stati trovati nella casa dell’altro arrestato, un 39enne, già suddivisi in una quarantina di dosi. 

I tre sono stati arrestati in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La Procura sta vagliando le posizioni di una decina di persone  coinvolte nell’indagine. 

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!