Aveva molestato tre giovani donne militari, condannato maresciallo dell’Esercito

Aveva molestato tre giovani donne militari nel corso degli allenamenti di sci e insultato un sottoposto di origine maghrebina: con questa accusa un gup del Tribunale di Torino, Valentina Soria, ha condannato a due anni e quattro mesi di reclusione G.G., 35 anni, maresciallo e istruttore di sci della “Brigata Alpina Taurinense”.

Il pm Barbara Badellino procedeva per violenza sessuale per i presunti abusi, avvenuti durante le esercitazioni su sci tra il gennaio 2017 e il febbraio 2018.

Leggi anche Polizia, Correttivi Riordino: “non c’è due senza tre”. Troppe le questioni rimaste aperte

Il gup  ha riconosciuto l’uomo (difeso dall’avvocato Riccardo Mazzuchetti Magnani) colpevole di violenze sessuali e di ingiuria a un sottoposto, reato previsto dal codice penale militare. Il 35enne dovrà risarcire le quattro parti civili, assistite dall’avvocato Valerio D’Atri. Un altro militare, assistito dall’avvocato Erik Galimi, è stato assolto dall’accusa di favoreggiamento. Altri due ufficiali, uno imputato di omessa denuncia e l’altro di tentato favoreggiamento, sono stati invece rinviati a giudizio.

Leggi anche Telefoni Huawei alla Difesa: il ministero è dovuto ​correre a sostituirli

Redazione Articolo Repubblica.it