ACCOLTELLA POLIZIOTTO E TENTA DI GETTARLO DALLE SCALE, ARRESTATO PER TENTATO OMICIDIO

(di Laura Bosio) – Ha accoltellato un poliziotto, poi ha cercato di buttarlo dalla tromba delle scale e infine ha morsicato sia lui che il collega: è finito così in manette durante la notte un nigeriano 33enne. E’ accaduto in via Bissolati nella notte tra lunedì e martedì, dove la Squadra Volante della Questura è  intervenuta nell’ambito di una lite in condominio, che vedeva coinvolti alcuni nigeriani. Erano circa le 22 quando le pattuglie Volanti, agli ordini del commissario capo Pietro Nen, sono state allertate dalla Sala Operativa, su richiesta di una donna nigeriana.

Dopo aver raggiunto l’appartamento, salendo le scale, gli agenti hanno bussato, pensando di dover semplicemente sedare una normale lite in famiglia. Certo non si aspettavano che l’uomo che si era presentato ad aprire, armato di un coltello da cucina con una lama di 20 centimetri, gli si scagliasse addosso, cercando di colpire uno dei due poliziotti al petto.

L’agente è riuscito a schivare parzialmente il colpo, deviandolo sulla spalla. Questo gli ha però provocato una profonda ferita, fortunatamente non letale. Per la violenza del colpo, l’arma si è spezzata. La rabbia dell’aggressore non si è però placata: ha infatti preso di peso il poliziotto, cercando di scaraventarlo giù dalla tromba delle scale. Ad evitare il peggio è stato un collega, che lo ha aiutato trattenendolo per il cinturone e la giacca. Non contento il nigeriano lo ha anche morso a un dito, con una tale violenza da bucare i guanti protettivi.

Successivamente si è scagliato anche contro il secondo agente, morsicandolo con violenza sul petto. In ausilio agli agenti è quindi intervenuta una seconda pattuglia, che è riuscita a fermare la violenza dell’uomo grazie all’utilizzo di uno spray urticante. Nei suoi confronti è quindi scattato l’arresto, con l’accusa di tentato omicidio aggravato, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Peraltro l’uomo era già destinatario di un’ordine di custodia cautelare per violenza sessuale (verificatasi in Sardegna), per la quale doveva scontare sette mesi.

L’uomo si trovava ospite a casa di connazionali, con i quali aveva un rapporto di amicizia. Seguiranno poi degli accertamenti amministrativi in quanto risulta irregolare sul territorio italiano. Il nigeriano, M.M., 33 anni, dopo aver scontato la pena in carcere verrà espulso.

“Si trattava di un’attività di routine, quella della lite in famiglia” ha detto il questore, Gaetano Bonaccorso. “Ma proprio in questo tipo di intervento accadono cose spiacevoli. Fortunatamente i nostri operatori hanno dimostrato grande preparazione e professionalità, per cui abbiamo solo due operatori feriti, ma avrebbe potuto finire peggio. La presenza di due volanti per strada, stanotte, è stata fondamentale. Ai colleghi auguriamo una pronta guarigione”. (Cremona Oggi)