Sim Carabinieri: “Non vogliamo più armi, ma strumenti Difesa Forze di Polizia”

“Proiettili di gomma, taser, le cosiddette ‘armi meno che letali’. Di questo abbiamo bisogno. Una pattuglia a piedi ha la pistola in dotazione o le mani nude. Se un carabiniere viene aggredito o usa l’arma o e’ rovinato. E se usa l’arma in dotazione e’ rovinato lo stesso, perche’ poi la magistratura ti indaga, come atto dovuto, e le spese legali sono a tuo carico.

Come e’ possibile, se si e’ aggrediti da qualcuno, ragionare su tutto questo? Purtroppo incontriamo sempre persone non collaborative. Stiamo chiedendo di non utilizzare le armi. Dateci quegli strumenti piu’ idonei a difenderci per poter difendere senza dover ricorrere alle armi da fuoco”. Cosi’ Antonio Serpi, segretario nazionale del sindacato Sim Carabinieri, partecipando a Piazza del Popolo, a Roma, alla manifestazione ‘Basta aggressioni agli uomini in divisa’.

Leave a Reply

error: Content is protected !!