Ingiustizie delle Amministrazioni e rigetto dei trasferimenti. “Chi non combatte ha già perso”

Avv. Giuseppe Di Benedetto – Questa volta vi parlerò del coraggio di lottare contro le ingiustizie delle amministrazioni. Ho deciso di farlo per rendere merito ad un Carabiniere che ho avuto il piacere di assistere nell’impugnare innanzi al Tar Lazio il provvedimento di rigetto della sua domanda di trasferimento definitivo ex art 398 RGA dell’Arma dei Carabinieri.

Questo Carabiniere ha una situazione familiare molto complessa sia per la nascita di un figlio sia per un familiare in gravissime condizioni che necessita di assistenza continua. Nonostante questa situazione era costretto a fare tre ore di macchina per andare a lavoro e tre ore per tornare a casa. Il rigetto della domanda di trasferimento, come sempre, era giustificato da “esigenze organizzative dell’Arma”.

Leggi anche Militare in servizio ottiene il riconoscimento della futura pensione con la previdenza complementare. Sentenza storica della Corte dei Conti

Una volta impugnato il ricorso al Tar Lazio ho chiesto al Tribunale di ordinare al Comando Generale dell’Arma, in sede cautelare, di riesaminare la domanda della mia assistita che appunto era stata rigettata.

Naturalmente ho spiegato nel dettaglio la situazione non risparmiando toni molto duri nei confronti di una amministrazione che aveva assunto una decisione assolutamente sbagliata.
Nonostante le argomentazioni sostenute dal Comando nel suo atto la misura cautelare è stata accolta dal Tar che ha ordinato al Comando di riesaminare la pratica della ricorrente. Il Comando, nei trenta giorni concessigli dal Tar, ha riesaminato la domanda della mia assistita accogliendola.

Questo Carabiniere nonostante avesse contro il Comando Generale dell’Arma ha deciso di lottare e alla fine ha vinto.

Il ricorrente impiegava tre ore per andare a lavorare, ora impiegherà 10 minuti e potrà assistere la sua famiglia.

Vincere contro le amministrazioni non è mai scontato ma la mia assistita ha deciso di non darsi per sconfitta, ha lottato e ha cambiando per sempre la sua vita in meno di due mesi ( ricorso presentato ad inizio maggio 2020).
Chi non combatte ha già perso.

Leave a Reply

error: Content is protected !!