Concussione, arrestati due carabinieri. 800 euro per chiudere gli occhi

Due carabinieri in servizio al reparto Radiomobile di Modugno (Bari) sono stati arrestati con l’accusa di concussione.
La misura cautelare è stata eseguita dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bari e dagli agenti della Squadra Mobile del capoluogo di regione. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip del Tribunale di Bari Susanna De Felice su richiesta del procuratore aggiunto Anna Maria Tosto.

I due militari sono attualmente detenuti nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). La misura restrittiva prevede la detenzione in carcere per 15 giorni e successivamente quella ai domiciliari. L’episodio di concussione contestato risale a un mese fa. I due carabinieri avrebbero chiesto soldi per non compiere un atto del proprio ufficio, ovvero per chiudere un occhio e non denunciare un reato accertato.

800 EURO PER CHIUDERE GLI OCCHI – Si sarebbero fatti consegnare inizialmente 100 euro da due giovani, minacciando loro sanzioni elevatissime in caso di denuncia per sfruttamento della prostituzione, con la promessa di consegnare altri 700 euro di cui, però, non c’è prova materiale. E’ questo il motivo per il quale due carabinieri in servizio al reparto Radiomobile di Modugno (Bari) – uno della provincia di Caserta e l’altro di Altamura (Bari) – sono stati arrestati ieri sera nel Barese.
I fatti si riferiscono a fine agosto scorso, quando i due giovani vennero fermati per un controllo in strada. Sono stati gli stessi giovani a denunciare l’episodio ai carabinieri. La Procura di Bari ha in corso verifiche su altri episodi di natura analoga – non contestati nell’ordinanza di arresto – che potrebbero essere riconducibili agli stessi militari.

Leave a Reply