7
Shares
Pinterest Google+

(di Franco Iacch per il Giornale.it) – Alghero, Napoli, Milano, Cagliari, Roma, Reggio Calabria, Genova e Palermo. Sono solo alcune delle numerose città che hanno visto protagonisti i mezzi e gli equipaggi dell’Aeronautica Militare Italiana in supporto della collettività. Con gli ultimi tre voli effettuati, il numero di trasporti dall’inizio dell’anno a favore di persone in imminenti pericolo di vita è salito a 113, per un totale di oltre 300 ore di volo. Significativo il dato relativo ai trasporti dalla regione Sardegna, oltre il 30% dei voli, infatti, è stato effettuato a seguito di richieste pervenute dalle prefetture sarde.

Il 31 maggio scorso, ad esempio, è decollato dall’aeroporto di Alghero un C-130J dell’AMI con a bordo un’ambulanza che trasportava un bambino di 8 anni in imminente pericolo di vita. Il trasporto sanitario d’urgenza da Alghero a Genova si è reso necessario per assicurare al piccolo paziente, ricoverato presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Sassari, immediate cure mediche specialistiche presso l’ospedale pediatrico Gaslini del capoluogo ligure. Il 14 maggio scorso, gli aerei del 31° Stormo hanno eseguito tre trasporti sanitari d’urgenza a favore di cittadini in imminente pericolo di vita, mentre 24 ore prima, un equipaggio della Missione Italiana di Collaborazione nel Campo della Difesa (MICCD) a Malta ha soccorso una donna in pericolo, caduta in mare nei pressi di Mgarr.

Il nove maggio, infine, un Falcon 50 del 31° Stormo di Ciampino è decollato per effettuare un trasporto sanitario in favore di uomo, residente in Campania, in attesa di trapianto epatico. Dopo aver imbarcato il paziente, il Falcon è prontamente ripartito alla volta di Milano Linate, per consentire il successivo trasferimento presso il Policlinico del capoluogo lombardo.

L’Aeronautica Militare, attraverso i suoi Reparti di volo deputati al trasporto aereo, la 46a Brigata Aerea di Pisa, il 9° Stormo di Grazzanise, il 14° Stormo di Pratica di Mare, il 15° Stormo di Cervia ed il 31° Stormo di Ciampino, mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuità e in grado di operare in qualsiasi condizione meteorologica. La peculiare capacità dei mezzi dell’Aeronautica Militare di imbarcare equipe ed apparecchiature mediche e sanitarie specifiche, come ad esempio le culle termiche o addirittura le ambulanze, come nel caso dei velivoli della 46a Brigata Aerea di Pisa, consente inoltre a pazienti e medici di raggiungere prontamente le strutture sanitarie più idonee ai loro bisogni viaggiando in completa sicurezza.

Loading...