2
Shares
Pinterest Google+

Continuano i problemi informatici per la gestione stipendiale della polizia di stato ecco l’ultimo aggiornamento del Dipartimento di Pubblica Sicurezza.

“Si ritiene opportuno fornire un aggiornato punto di situazione in merito ai problemi di natura tecnica che stanno interessando le apparecchiature del CENAPS residenti in hosting presso il CEN di Napoli. In particolare si è verificato un “fermo” macchine dovuto alla rottura di un disco che ha generato una perdita di dati. Si è dovuto procedere, pertanto, alla chiusura di tutti i servizi forniti ed inibire ogni accesso al database per salvaguardarlo da ulteriori perdite e permettere le verifiche di integrità dell’intera base dati. In merito la Direzione Centrale dei Servizi Tecnico Logistici si è subito attivata per un urgente intervento di manutenzione e ripristino. Il suddetto “fermo”, oltre a ritardare le attività correnti, influisce in particolare su alcune attività già schedulate che dovranno essere totalmente ripianificate.

In particolare la ripianificazione riguarda:
> Adeguamento degli stipendi di maggio a seguito di promozione e progressioni economiche di circa 1.000 dipendenti, che dovrà slittare.

> Corresponsione del FESI (Fondo Efficienza Servizi Istituzionali) prevista con la rata di maggio, dovrà parimenti slittare.

> Tutte le segnalazioni relative alle missioni effettuate, con conseguente impossibilità di pagamento.

> Tutte le operazioni connesse al trasferimento del personale (telegrammi, presa in forza, notifica ecc.) che dovranno essere svolte a mano fino al ripristino dei sistemi.

> Statistiche sulla consistenza numerica del personale.

La predetta Direzione Centrale dei Servizi Tecnico Logistici ha già inviato presso il CEN di Napoli qualificati tecnici della Ditta incaricata per la sostituzione del disco guasto.  Peraltro, si è appena appreso che non sarà possibile il ripristino delle macchine entro oggi per l’insorgenza di ulteriori problemi tecnici.
Con riserva di ulteriori notizie

Previous post

AL SENATO NON TUTTI SONO D’ACCORDO SUL TESTO DEL RIORDINO. ECCO LE OSSERVAZIONI DEI SENATORI

Next post

CASSA DI PREVIDENZA FORZE ARMATE: EROGATA A GIUGNO?