3
Shares
Pinterest Google+

A distanza di circa due mesi dall’entrata in vigore effettiva del riordino, la stabilizzazione seppur ritardata dei nuovi parametri e l’assegno una tantum per i gradi apicali, migliaia di militari, poliziotti, carabinieri e finanzieri destinatari delle promozioni previste dal riordino non sanno ancora quale grado indossare.

I nuovi gradi furono “svelati” dal Vice Capo per il Coordinamento, il Prefetto Guidi; le curiosità maggiori riguardavano principalmente le nuove qualifiche introdotte dal riordino delle carriere, come quelle di Assistente Capo CoordinatoreSovrintendente Capo Coordinatore e Sostituto Commissario Coordinatore.

Oggi alle 17.30 – sottolinea il Sindacato Autonomo di Polizia in una nota – presso il Dipartimento, si terrà l’ultimo incontro in cui si riunirà la commissione per elaborare i nuovi distintivi di qualifica, in virtù del riordino delle carriere. Il Sap non parteciperà a questa riunione, perché questi distintivi di qualifica – a nostro avviso – sono vuoti e privi di significato, soprattutto se pensiamo alle qualifiche di sostituto commissario coordinatore, sovrintendente capo coordinatore e assistente capo coordinatore, che sono le nuove qualifiche inserite in questo riordino.

Altro motivo per il quale non parteciperemo, è la scelta di pubblicare le proposte dopo la riunione di domani, sul portale doppia vela, chiedendo a tutto il personale di esprimere un parere o un gradimento. Avremmo preferito che questa sorta di “referendum” fosse stato fatto per il riordino delle carriere. In quel caso allora, sarebbe stato più coerente e illuminante.

Previous post

"USI ALMENO WIKIPEDIA", COSÌ LA RETE REAGISCE ALLA GAFFE DELLA PINOTTI

Next post

ASSALTO ALL'ARMA: CARABINIERI ABBANDONATI, BISTRATTATI, UMILIATI E DERISI. E GLI ALTI PAPAVERI STANNO A GUARDARE