0
Shares
Pinterest Google+
Si attende il
ritorno in Italia del premier Matteo Renzi per concordare una soluzione,
ritenuta possibile, allo scontro nato con i sindacati di polizia e Cocer sul
blocco contrattuale. Il ministro Alfano ieri ha visto al Viminale i capi di
Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza ed ha sentito anche il ministro della
Difesa, Pinotti.

Sindacati di
polizia, Renzi ci convochi urgentemente
– “Aspettiamo
di essere convocati dal premier Renzi. Certamente il malessere degli operatori
delle forze di polizia e dei vigili del fuoco è grandissimo, come stiamo
denunciando da mesi. Se fossimo stati ascoltati per tempo, non saremmo arrivati
a questo punto. Adesso servono risposte, serve una vera riforma della
sicurezza, serve lo sblocco delle retribuzioni. Non servono altre chiacchiere o
promesse perché poi nemmeno noi sindacati saremmo in grado di tenere la base.
Questo al premier Renzi dev’essere chiaro”. E’ quanto affermano i
sindacati autonomi Sap, Sappe, Sapaf e Conapo riuniti nella Consulta Sicurezza,
organizzazione di rappresentanza dei comparti della Polizia di Stato, della
Penitenziaria, del Corpo Forestale e dei Vigili del Fuoco. “Siamo
mobilitati da agosto – dicono i segretari generali Gianni Tonelli, Donato
Capece, Marco Moroni e Antonio Brizzi – e il nostro presidio a Montecitorio va
avanti. La settimana prossima il nostro camper che sta girando l’Italia
nell’ambito dell’operazione #piazzapermanente sarà a Roma, il 10 e 11
settembre, per chiedere una vera riforma della sicurezza. Invitiamo il premier
a venire in piazza, a farsi vedere e a dialogare con noi. Prima che sia troppo
tardi, prima che il personale esausto e demotivato ci chieda di attuare azioni
eclatanti”.

Maroni, Alfano
garantisca le forze dell’ordine
– Uno sciopero
delle forze dell’ordine contro la proroga del blocco degli stipendi
“sarebbe un fatto gravissimo, sarebbe la prima volta e spero che Renzi e
Alfano non si intestino questo record negativo”. Lo ha affermato l’ex
ministro dell’Interno, Roberto Maroni, secondo il quale “quando ci sono
venti di guerra nel mondo e l’invasione degli immigrati bisogna dare risorse
alle forze dell’ordine per garantire la sicurezza”. “Alfano – ha
concluso – faccia il ministro dell’Interno e garantisca le forze
dell’ordine”.

Previous post

CARABINIERI: "CHI LO DICE CHE NON VOGLIAMO SCIOPERARE? NOI SIAMO I PROMOTORI DELL'INIZIATIVA!"

Next post

L'ESERCITO PRODURRA' LA MARIJUANA DI STATO

  • Anonimo

    I sindacati che ne stiano fuori…. perché vogliono solo cavalcare l'onda per ottenere tessere. .. si fossero svegliati da prima!

    • Bisogna aiutare i sindacati a cambiare logica ed a capire il nostro tempo. Non é il momento di mendicare MISERI AUMENTI di salario ma CHIEDERE RIFORME, per il bene di tutti. UNIFICAZIONE FORZE DI PLIZIA – RIFORMA COMPARTO DIFESA

  • UNIFICAZIONE CARABINIERI GDF POLIZIA NON PIU' RINVIABILE!! E' NECESSARIA LOTTA PER VINCERE RESISTENZE DI GENERALI QUESTORI E PREFETTI!! BUONA FORTUNA A TUTTI!! VIVA L'ITALIA!!

    • Anonimo

      Allora sarebbe auspicabile una unificazione anche con la forestale e tutti " i corpi di polizia" che portano le armi nello svolgimento dei loro mandati istituzionali, via i carabinieri dalle sedi delle forze armate che con la soppressione della leva non ci sono più casi di furti e vandalismi.

    • L'unificazione delle forze di polizia è l'anticamera della dittatura.
      E' forse questo quello che voi volete?

    • Anonimo

      In altri stati il problema della dittatura non se lo sono posti e a dirla tutta al momento a me sempra di sentire più puzza di dittatura qui in Italia che in altri stati europei. Non credo che le FF.OO italiane possano mai instaurare un regime dittatoriale, si dimentica troppo spesso con chi si ha a che fare, poliziotti e carabinieri sono i fratellli, figli, padri, mariti e amici dei disoccupati di coloro che stanno patendo questa crisi più di tutti, ricordiamocelo!

    • Anonimo

      ma che unificazione, facciamo il loro gioco??? non riusciamo a capire che stanno prendendo la palla al balzo per obbligarci ad accettare l'EUROGENDFOR?? non riusciamo a comprendere che con questo perderemo la sovranità popolare???? Dai informiamoci e non accettiamo i cioccolattini che ci stanno dando.

    • Anonimo

      ma proprio non vogliamo capire che stanno cogliendo la palla al balzo per obbligarci ad accettare l'EUROGENDFOR, non capiamo che andremo a perdere la sovranità popolare, ma quale unificazione delle forze di polizia, non facciamoci ancora prendere in giro. le informazioni giuste ci sono cerchiamole e se non le capiamo facciamocele spiegare . INFORMAZIONE

    • EUROGENDFOR? Non suona malissimo! Meglio che niente! Scusate l'ironia, ma io credo che sia anche meglio che contiunare a piangere per il blocco dei salari (quando abbiamo un'intera nazione senza lavoro) quindi continuo ad insistere con non abbiamo altra scelta se non quella di puntare alla razionalizzazione dei comparti SICUREZZA/DIFESA – riforme che non possono attuarsi chiedendo il consenso dei vertici dei VARI BARACCONI giacché essi stessi sono garanti dello sperpero e difensori delle RENDITE DA POSIZIONE. ABBIAMO BISOGNO DI RIFORME E NON DI ELEMOSINE comandanteprimalinea@gmail.com

  • Anonimo

    Si,unificazione, ed i centinaia di dirigenti,generali e questori dove li mettiamo?? Poveri, senza autisti,senza migliaia di euro di straordinari,ma non cambieremo mai,povera Italietta!!

    • E' chiaro che mandare a casa questa gente assume un costo, ma con un piano decennale é possibile farlo, e questo ci renderebbe anche più credibili rispetto agli impegni che abbiamo nella futura e sempre più auspicabile europa unita. Bisogna inoltre dire ai sonnacchiosi sindacati che é questo il vero obiettivo e non la predicozza sui nostri poveri stipendi (io lavoro in prima linea e cerco di guadagnarmelo tutti i giorni dando quello che posso). smettiamola di piagnucolare e impegniamoci a lottare tutti uniti per le riforme radicali che occorrono a questo paese

  • Anonimo