3
Shares
Pinterest Google+

(di Thomas Mackinson e Ferruccio Sansa per Il Fatto Quotidiano) – “Estrema orazio” scrive un agente. Un altro usa percuotere con la “q”. C’è quello che s’inventa “l’a scriminante” e quello che non azzecca un’acca in tutto l’elaborato. Ma il problema non sono i crimini contro la grammatica. Ci sono agenti di polizia, poi risultati vincitori del concorso per diventare vice-ispettori e quindi destinati a far carriera, convinti che si possa sparare al rapinatore colpendolo alle gambe purché “disarmato e in fuga”. E altri che confondono pena con reato. È tutto nero su bianco negli elaborati del famigerato concorso per 1.400 posti da vice-ispettore bandito nel 2014. Quello che segnerà la futura classe dirigente della polizia e che sta suscitando una marea di scontento nel mondo delle questure.

Centinaia di ricorsi tra gli oltre 20mila esclusi, per non dire di centinaia di messaggi infuriati sulle chat dei poliziotti. Lo stesso capo della Polizia, Franco Gabrielli, aveva bollato il concorso come un “papocchio”. Non solo: “Dovremmo porci il problema non di annullare il concorso – aveva aggiunto Gabrielli –ma di togliere la qualifica anche di agente a chi ha scritto certi temi. Invece poi tutto è andato avanti e il 12 settembre scorso i vincitori hanno cominciato i corsi in diverse città. Non parliamo di aspiranti poliziotti, ma di agenti in servizio con almeno sette anni di esperienza sulle spalle.

OGNI CONCORSO in polizia porta una polemica. Era già successo a quello per 559 nuovi agenti che Gabrielli aveva annullato dopo un’inchiesta della magistratura. Ma qui è più complicato perché si tratta di agenti che sono già in polizia, cioè di una selezione interna. Un concorso che ha spinto qualcuno ad appendere la divisa al chiodo per la rabbia e la delusione. Come Matteo Fiorio, fino al 31 luglio agente di polizia che oggi sale i gradini del Tribunale di Verona da avvocato. Dopo 15 anni di servizio ha preferito indossare la toga anche perché con una laurea in giurisprudenza e l’abilitazione alla professione forense è stato bocciato al concorso da vice-ispettore, “mentre – sostiene lui – colleghi che non sanno scrivere in italiano e ignorano l’abc del diritto sono passati”.

Così ha deciso di fare ricorso contro la propria amministrazione al pari di altri 558 agenti, molti dei quali raccolti nell’associazione “Tutela&Trasparenza” che ora rappresenta come legale. Acquisiti gli atti del concorso e i temi dei vincitori, li ha fatti leggere anche al Fatto Quotidiano. Per gli ispettori, si scopre dagli elaborati, saper scrivere in l’italiano non è poi “fondame-ntale”. Scritto e troncato così: -ntale. Insieme a “l’ho impartisce ”, “l’ho esegue”. Eppure chi l’ha scritto ha vinto il concorso da vice ispettore. Ed è in buona compagnia perché tra i 2.127 idonei c’è chi scrive più volte “estrema orazio”, e nello spiegare cosa sia la legittima difesa inventa nuove teorie come “l’ingiusta offesa posta in essere anche da cose o animali ”. Promosso pure lui, insieme a chi scrive “ammenta” con la t, “perquot ono ” e “endicap ”. Non basta: “Tra i 2.127 idonei è stato analizzato un campione di 800 temi. Un centinaio presenta parti copiate da internet e libri di testo ”, riferisce l’avvocato Fiorio.

Ma tra i candidati vincitori c’è chi sostiene che – nel caso di un rapinatore in una banca – “non si è autorizzati a sparargli ad altezza petto bensì sulle gambe per evitare la fuga”. Un vincitore propone una nuova definizione dell’omicidio: “Un soggetto che deve uccidere una persona con la pistola, il soggetto per uccidere, deve materialmente, oltre che avere una condotta commissiva nel puntare la pistola con l’intenzione di sparare, affinché avvenga l’evento morte si deve verificare lo sparo”.

LA STORIA INIZIA nel 2014 quando, a fronte di una carenza d’organico di 11mila persone, il Ministero dell’Interno indice un concorso per 1.400 vice ispettori. Si candidano in 22mila e 7mila superano la prima selezione. Il 29 gennaio 2015 partecipano a quella scritta, un elaborato di diritto penale: struttura del reato, cause di giustificazione, l’esercizio del diritto, l’adempimento del dovere e l’uso legittimo delle armi. Il pane quotidiano per poliziotti con un minimo di 7 anni di servizio. Ma il 17 dicembre 2016, a distanza di quasi un anno dalla prova, ecco la sorpresa: passano 2.217 candidati di cui oltre 1.400 con lo stesso punteggio, circostanza che farà dubitare della corretta applicazione dei criteri di valutazione. Un professore di statistica della Sapienza, Andrea Polli, ha prodotto uno studio che ha aperto la strada a un mare di ricorsi. Ma il Tar del Lazio boccia la richiesta di provvedimenti immediati in attesa di pronunce sul merito. Sostanzialmente viene stabilito che la commissione gode di una sorta di intangibilità dovuta alla “discrezionalità tecnica”: non spetta ai giudici giudicare l’operato della commissione o gli elaborati dei ricorrenti. Fiorio non ci sta: “La giurisprudenza afferma che discrezionalità non è sinonimo di arbitrarietà”. Il 6 gennaio scorso Gabrielli annuncia che tutti gli scritti sarebbero stati ricorretti da una speciale commissione di verifica, presieduta dal prefetto e all’epoca vice capo della Polizia Matteo Piantedosi. Il suo mandato è rivedere le posizioni “dei candidati titolari di contenziosi”. Gabrielli, dopo la rilettura dei testi, nel marzo scorso parla di “concorso a rischio annullamento”. Ai sindacati viene assicurato che oltre 330 candidati sui 550 esclusi che hanno fatto ricorso (in pratica il 66%) saranno riammessi e questo “per riabilitare colleghi bravi che si sono visti valutare in maniera non corretta”.

Un concorso “nato male e finito peggio”, aggiunge Gabrielli. Ma il 22 maggio viene annunciato che saranno avviati soltanto gli idonei: 1.400 come da bando, più i 475 ulteriori che erano stati dichiarati tali. Ciò senza alcuna correzione degli elaborati esclusi in quanto la commissione esaminatrice, convocata per la ricorrezione, “ha ritenuto di non voler provvedere ad un’attività di rivalutazione”. E neppure di divulgare ai ricorrenti i suoi atti perché ritenuti “non ostensibili”. Il 12 giugno il Dipartimento pubblica la graduatoria dei vincitori: avanti tutta. Così arrivano le interrogazioni firmate da Pippo Civati (Possibile), Nicola Molteni (Lega), Angelo Tofalo (M5S) ed Enrico Zanetti (Scelta Civica): chiedono di conoscere i costi della commissione di cui hanno fatto parte il vicecapo della Polizia, vari prefetti e funzionari d’alto livello chiamati a svolgere un lavoro che si è rivelato inutile. Ipotizzano responsabilità per danno erariale e all’immagine della Polizia. “Questo concorso è la sommatoria di tutto quello che non si deve fare”, ha detto Gabrielli mesi fa, mostrando disagio per il concorso nato prima del suo arrivo. I vertici della Polizia, interpellati ieri dai cronisti, non commentano la vicenda. Avanti tutta.

Previous post

CAMBIANO I PARADIGMI DELLE PISTOLE DI SERVIZIO MILITARI E CIVILI. BERETTA APX LA RISPOSTA ITALIANA ALLE FUTURE ESIGENZE

Next post

FIRENZE, TURISTA AMERICANA PASSA LA NOTTE CON DUE MILITARI E SI RISVEGLIA NUDA IN UN PALAZZO DEL CENTRO