0
Shares
Pinterest Google+
La
possibilità di diventare agente non passa più solo attraverso la ferma nelle
forze armate. La novità è stata introdotta dall’art. 10 del Decreto legislativo
28 gennaio 2014, n. 8, che prevede, a partire dal 2016, concorsi pubblici non
più riservati alle persone che hanno svolto servizio nelle Forze armate.

Nello
specifico, nel biennio 2016-2017 saranno banditi concorsi con il 50 per cento
dei posti disponibili destinati ai cittadini provenienti dalla “vita civile”;
nel 2018 invece la percentuale salirà al 75 per cento.
La
novità normativa consentirà, quindi, anche ai ‘civili’ di partecipare ai
concorsi. Ovviamente l’accesso al ruolo iniziale degli agenti ed assistenti
della Polizia di Stato prevede, comunque, il possesso di alcuni requisiti e il
superamento di prove psico-fisiche.
CONCORSO
POLIZIA 2016, LE PROVE
Le
prove di efficienza psico-fisiche da superare sono:

Prove di efficienza fisica (corsa mt. 1000 – salto
in alto – trazioni alla sbarra), accertamenti psico-fisici (esame clinico
generale, prove strumentali e di laboratorio) ed attitudinali (accertamento
dell’attitudine del candidato al servizio di polizia attraverso batterie di
test collettivi ed individuali ed un colloquio).

Loading...