2
Shares
Pinterest Google+

Ha scelto il rito abbreviato – il processo comincerà a inizio ottobre davanti al gup Marco Gaeta – il colonnello dell’esercito Salvatore Muratore, accusato di violenza sessuale. L’inchiesta, coordinata dal sostituto Giorgia Righi, è iniziata ad aprile del 2016, dopo la denuncia di due ragazze minorenni e della madre che hanno raccontato di aver subito violenza sessuale da parte di Muratore. E’ quanto riporta la redazione di Tp24.it dell’articolo che segue.

L’ufficiale faceva parte di un gruppo di preghiera e si sarebbe spacciato per guaritore esorcista. Secondo le indagini avrebbe convinto le due donne di essere possedute dal demonio, costringendole, in quella che lui definiva una “preghiera di liberazione”, ad avere rapporti sessuali. Il militare, quando le vittime mostravano qualche perplessità, avrebbe anche detto loro che “era il diavolo che parlava e che lui invocava il demone della lussuria”. Dalle denunce si è arrivati a identificare anche il frate cappuccino, don Salvatore Anello, processato separatamente.

L’esorcista sarebbe stato in contatto con il militare: si proponeva come guaritore esorcista attraverso la celebrazione di “preghiere di guarigione”. “Se non metti le mani nelle parti intime – avrebbe detto Muratore alle vittime – non ti liberi dal demonio. Demonio che entra sempre dalla vagina”.

Previous post

FORZE ARMATE: COSA SONO I GIUDIZI VALUTATIVI

Next post

STRADE SICURE: MILITARI AL TELEFONO, PER UNA FOTO SU FACEBOOK FINISCONO SOTTO PROCESSO, ASSOLTI PERCHÉ “IL FATTO NON SUSSISTE”