0
Shares
Pinterest Google+

Il
generale Del Sette quando dice che non bisogna infangare l’Arma dei Carabinieri
per mio fratello ha ragione.

Però
io non riesco a non pensare a Stefano, magro magro, alto 1 metro e sessanta,
che viene preso a calci fino a spezzargli la schiena. Non riesco a non pensare
allo scherno di quei carabinieri mentre gli facevano tutto quel male.
Soprattutto non riesco a non pensare al fatto che se ne possano addirittura
essere vantati.
“Raffaele
ed i suoi colleghi si erano divertiti a picchiare Stefano Cucchi”.
Si
sono divertiti. Si. Sta scritto nelle carte processuali.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Mi chiedo quale
divertimento si possa provare a fare del male ad un essere umano inerme e che
non si può difendere.

“era
un tossico di merda”… Dicevano e dicono tutt’ora. Mi ricorda molto quel
che afferma in modo più elegante ma non troppo qualche illustre politico
italiano.
È
questa la nostra cultura?
Ma
caro generale Del Sette io voglio chiederle con tutto il mio cuore, anche a
nome dei miei genitori, è proprio sicuro che il problema ora più importante da
affrontare è quello che non venga infangata l’Arma? Che la cosa più giusta da
dire per il suo comandante in capo sia questa? Non sarebbe forse più giusto
preoccuparsi delle vere vittime di questa tragedia?
Con
rispetto.


Ilaria Cucchi per Huffington Post

Previous post

ECCO COME I 4 FINANZIERI DETTAVANO LEGGE. “GUARDIA DI FINANZA IN GRADO DI FARE PULIZIA AL PROPRIO INTERNO”

Next post

BONUS 80 EURO APPRODA IN COMMISSIONE: NON HA NATURA RETRIBUTIVA E NON E’ PREVIDENZIALE